Simulazione all’Istituto Pertini di Afragola

Simulazione all’Istituto Pertini di Afragola

Scritto il 03/02/2019


Da anni il Comitato Napoli Nord collabora con l’Istituto Pertini per formare gli studenti in materia di primo soccorso. Anche quest’anno il Comitato ha effettuato un ciclo di lezioni di primo soccorso, presso la scuola Pertini di Afragola. Il ciclo si è concluso sabato 2 febbraio con una simulazione di protezione civile, nello specifico quella di un evento sismico e conseguente evacuazione della scuola. Il tutto curata dalla nostra squadra di volontari e dai responsabili alla sicurezza dell'Istituto.
Il Referente e coordinatore della simulazione Vol. Melluso, assistito dall’istruttore Giuseppe Venezia e assistito dalla volontaria Simona Carlomagno, ci spiega cosa comportava nello specifico la simulazione: “La simulazione ha visto coinvolte 7 squadre di soccorritori, ognuna formata da 4 volontari di Croce Rossa. Le squadre sono state coordinate da una sala operativa, allestita per l’occasione nell'auditorium della scuola. La simulazione prevedeva il recupero di un disperso e l’utilizzo delle tecniche di recupero. Una squadra ha avuto il compito di utilizzare queste tecniche e, infine, di mostrarle agli studenti.”
Per concludere ecco qualche parola del nostro Presidente Ganzerli: “Ancora una volta la C.R.I. è stata di riferimento alla prevenzione e alla protezione del cittadino. In questo caso in una scuola, la Pertini di Afragola con la quale collaboriamo, da anni, sul piano formativo degli studenti. Complimenti ai nostri operatori ed in particolare a colui a cui è stato affidato l'incarico dell'operazione simulata di evacuazione dell'Istituto, mi riferisco al Vol Gabriele Melluso. Complimenti anche a tutti i Volontari impiegati, che hanno dimostrato capacità e professionalità. Ringraziamo anche il Preside, che ci ha definiti "Angeli Custodi", e alla professoressa Antonella Pecchia, la quale segue con noi questo progetto formativo. Per noi questo è solo un'altro mattone per costruire un futuro migliore, questo per dire che andremo avanti...per Un Italia che Aiuta.”
Si ringraziano i Volontari che hanno curato i momenti formativi previsti dal progetto
- Per l’aspetto sanitario: Chianese Raffaella, Giambattista Ganzerli, Giuseppe Grumiro, Giuseppe Venezia, Agrippino Ferrara;
- Per l’aspetto sociale: Sergio Iovane.